Biennale di Architettura 2016 – Venezia, i Giardini della Biennale

Una visita decisamente soddisfacente che suggerisco anche a chi, come noi, non è del mestiere: quest’anno, infatti, la Biennale di Architettura di Venezia interroga e si interroga su temi che coinvolgono tutti presentando molte soluzioni e portando esperienze spesso illuminanti. Come di routine, abbiamo iniziato la nostra visita partendo dai Giardini della Biennale …

Cosa visitare? Tutto, o quasi. Prima, tuttavia, conviene prendere confidenza con il tema portante di questa edizione, tema che posso riassumere con la domanda: quali sono le risposte dell’architettura alle reali necessità della società contemporanea? Imponenti flussi migratori, crescente densificazione abitativa urbana, crisi economica e politica, ecologia, sostenibilità, socializzazione e accessibilità, sono i temi caldi che questa Biennale cerca di affrontare con un approccio positivo e, pertanto, propositivo: viene proprio da dire “era ora!”

2016-06-12_08-49-43

Certamente va visitato il padiglione Germania che apre e lo fa nel vero senso della parola, il suo spazio espositivo sorprendendo gli habitué delle esposizioni veneziane che trovano lo storico padiglione imprevedibilmente e drasticamente rimaneggiato. In fondo, un “paese di approdo” non può che essere aperto, giorno e notte, culturalmente, ma anche fisicamente …

20160528_104026-01

20160528_111902-01

Ci sono ottimi motivi per soffermarsi all’interno del padiglione Russia e per prendere atto, attraverso i molti materiali proposti, della programmata e in buona parte già realizzata, rigenerazione dell’immenso spazio di matrice sovietica, il parco V.D.N.H. di Mosca. Si tratta di una esposizione affascinante e forse, tra tutte, la più coinvolgente anche se decisamente fuori tema …

2016-05-29_12-09-54

20160528_100930-01

20160528_101010-01

L’Australia porta nuovamente una piscina all’interno dei Giardini della Biennale: questa volta, tuttavia, si tratta di una vera piscina e il tema è proprio quello della piscina come luogo privilegiato di socializzazione; almeno così sembra essere per gli australiani. Ancora un fuori tema, ma il visitatore che coglierà l’occasione per fare un pediluvio durante i caldi giorni estivi, sarà eternamente grato a questa scelta espositiva.

2016-05-29_12-42-14

2016-05-29_12-43-52

La Polonia invita a una riflessione sulle spesso controverse condizioni di lavoro nei cantieri. Un’esposizione decisamente interessante e corredata da una infografica mirabilmente efficace.

20160528_115219-01

20160528_115308-01

20160528_115328

C’è un complicato gioco di incastri che la Corea ci presenta dedicando il proprio spazio alle complesse questioni edilizie della sua capitale dove la densità della popolazione richiede interventi in grado di iper-ottimizzare la superficie calpestabile. Interessante e divertente: divertente perché scopriamo che a Seul si può progettare giocando a tetris!

20160528_102825-01

20160528_105744

Il padiglione austriaco va visitato a ogni costo e preferibilmente per ultimo perché poi si esce appesantiti dai molti manifesti che vengono offerti ai visitatori (non dimenticate di portare con voi due elastici!).

20160528_124016

Venezia, Biennale di Architettura, 2016

20160528_121344-01

Spagna e Belgio vanno visti insieme, tanto più che le rispettive sedi espositive sono affiancate. L’architettura casuale, marginale, derivata, residuale, incompleta, istintiva è il tema comune di due padiglioni ben concepiti che richiedono una visita accurata.

20160528_141205

20160528_141502

Il padiglione Serbia lascia un po’ perplessi: entrati, ci si trova dentro una vasca in plastica che sembra proprio una pista da skateboard e capiamo con certezza che di questo si tratta poiché due autoparlanti fanno udire il suono degli skate. Ci sono anche delle prese elettriche che permettono di ricaricare il proprio dispositivo mobile …

20160528_122107-01

Il padiglione Romania trasporta il visitatore in un’altra dimensione, tant’è che all’uscita, si deve già scegliere se proseguire la visita o tornare al suo interno. Difficile non rimanere affascianti dai molti strani e stranianti marchingegni che muovono sornioni e preoccupanti personaggi di legno: poi bisogna assolutamente studiarne il significato.

2016-05-29_01-04-44

20160528_115643-01

Gli israeliani puntano su materiali e soluzioni particolarmente interessanti, ma anche particolarmente complesse: qui bisogna chiedere una spiegazione al personale incaricato, altrimenti, il rischio è di uscirne decisamente confusi.

20160528_114157-02

La Grecia è alle prese con la crisi e con l’imponente afflusso di rifugiati: il suo padiglione è inevitabilmente espressione di questa complicata situazione, ma è anche il luogo dove più profondamente si mette in discussione il ruolo dell’architettura.

20160528_120447-01

2016-05-29_01-07-02

Il Brasile impegna il visitatore in una furibonda raccolta delle schede di molti progetti che vengono distribuite in formato poster. Devo essere sincero, ho dedicato più tempo all’accaparramento degli stampati che allo studio dei materiali. In compenso li potrò poi studiare comodamente a casa …

20160528_114751-01

Repubblica Ceca e Slovacchia nuovamente insieme nel loro padiglione per raccontare un progetto estremamente interessante: si parla di sovrastrutture e più in generale di interventi sul costruito. Perfettamente riuscita l’idea di realizzare l’esposizione secondo i canoni dell’installazione artistica …

2016-05-29_12-41-45

Il Giappone cerca nuove soluzioni per un abitare condiviso e condivisibile dove è l’esperienza sensoriale a definire gli aspetti centrali progetto. Curioso al punto che bisogna approfondire a ogni costo inchinandosi più volte per guardare dentro i modelli arredati con una cura maniacale.

2016-05-29_12-29-43

20160528_101722-01

Il padiglione Ungheria è il luogo ideale per ripensare a una professione, quella dell’architetto, che sta subendo una radicale trasformazione nei compiti e sopratutto negli obiettivi. A essere presentata è l’esperienza di un gruppo di progettisti che con la loro attività rispondono alla domanda: come può un gruppo di giovani architetti trovare casa nel mondo contemporaneo? Decisamente interessante.

20160528_130139-01

I finlandesi si dimostrano particolarmente pragmatici e presentano alcune interessanti soluzioni ready-made come quella che propone di iniziare dal tetto e poi di metterci l’abitazione sotto. Un piccolo padiglione con grandi idee.

20160528_130735

Norvegia e Svezia hanno il padiglione più frequentato, ma per la ragione che è decisamente lo spazio ideale per sedersi e riposare. Qui si possono raccogliere i molti volantini distribuiti nei vari ripiani della piramide lignea che, messi insieme, offrono una panoramica delle realizzazioni architettoniche più qualificanti realizzate nei due paesi. Un po’ deludente, ma, in ogni caso, e qui che si trova sempre uno spazio per accomodarsi e riordinare le idee …

20160528_151108

20160528_143540

La mostra collettiva all’interno dell’antico Padiglione Italia rivela molte esperienze e proposte di grande interesse presentate in modo, a volte, particolarmente efficace. Lo spazio, invece, incomincia a risultare un po’ datato e poco fruibile, ma quand’è che ci investiranno qualcosa per sitemarlo?

20160528_134301

Venezia, Biennale di Architettura 2016

20160528_131402-01

In questa rapida carellata ho tralasciato alcuni padiglioni come quelli di Inghilterra, Francia, Stati Uniti, Uruguai, Venezuela e Svizzera: alcuni perché molto tecnici e al di fuori della nostra portata, altri perché, pur non essendo architetti, ne abbiamo comunque colto la scarsa portata sia tematica che scenografica …

Volete sapere quale è stata l’esposizione che abbiamo preferito? Senza dubbio, il padiglione Germania.

Tutte le foto sono state realizzate da noi il 28 maggio 2016
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...