In Belgio, tra i fantasmi di Doel

In Belgio, raggiungendo Anversa e poi proseguendo a nord lungo il corso del fiume Schelda si raggiunge la località di Doel, un luogo cupo, desolante, vuoto che deve una relativa rinomanza alla sua natura di ghost town o di paese fantasma…

Doel è una località costituita da edifici residenziali prevalentemente a due piani e disposti in modo regolare lungo tre strade che corrono parallele al corso dello Schelda e altrettante vie perpendicolari di collegamento. Molti edifici hanno i mattoni a vista e sono stati realizzati con criteri architettonici tipici delle abitazioni erette nel corso della prima metà del novecento per ospitare le famiglie operaie (i lavoratori dell’adiacente porto di Anversa). C’è anche una chiesa e accanto a questa un cimitero. Il paese è a tutti gli effetti un paese anche se integralmente disabitato…

20160822_093033

20160822_090828

20160822_091314

vicino a anversa, doel la città fantasma

Il progetto di espandere ulteriormente il vicino porto della antica città fiamminga che interrompe la propria estensione proprio in prossimità di Doel, ha reso necessario l’esproprio degli abitati che fu accettato di buon grado dai residenti di un’area per sua natura marginale e degradata. Tutti hanno prontamente ceduto la propria abitazione lasciandosi alle spalle quella che è diventata all’improvviso una città fantasma.

20160822_090804

20160822_090737

20160822_090518

Oltre allo sviluppo dell’area portuale, tra il 1969 e il 1985, in stretta prossimità dell’abitato, è stata realizzata e successivamente più volte ampliata, l’omonima centrale nucleare che conta quattro reattori di seconda generazione oltre al primato della centrale nucleare europea inserita nell’area più densamente abitata. Le due enormi torri di raffreddamento si possono vedere da qualsiasi punto del paese disabitato.

Doel, Belgium 2016

20160822_090841

Il corso del fiume è “mascherato” dall’argine rialzato che può essere raggiunto e percorso nella sommità tramite scalinate o gli scivoli dei percorsi ciclistici. C’è anche un antico mulino a vento che esercita l’esclusivo e suggestivo ruolo di contrappunto visivo alle bianche torri di raffreddamento poste alle sue spalle. L’immagine simbolo della località è proprio il mulino rappresentato in primo piano sullo sfondo della centrale nucleare di Doel.

20160822_091257

20160822_091348

20160822_091414

Oggi, il paese è animato esclusivamente da rari turisti particolarmente cocciuti nella ricerca di luoghi appartati e desolanti e dagli street writer che hanno trovato in Doel un immenso foglio bianco dove poter esercitare la propria arte, oppure, dove semplicemente lasciare un multicolore segno del proprio passaggio. I graffiti costituiscono la principale attrazione della località non tanto per il loro valore artistico poiché ci sono opere molto più interessanti in ogni altra città del Belgio, ma per la loro suggestiva e unica ambientazione.

E i fantasmi? I fantasmi, alla fine, sono proprio coloro che la visitano vagando solitari nelle strade deserte e guardando continuamente dentro le finestre delle case vuote nell’ostinata ricerca, nel più completo e definitivo abbandono, di qualche segno di vita come se questa potesse farsi notare esclusivamente in un luogo così desolante e vuoto.

Una curiosità, nel 2013, la band belga Daan ha ambientato proprio a Doel alcune sequenze della clip video per il brano La Crise

Tutte le fotografie sono state da noi realizzate a agosto 2016 e sono disponibili in modalità Creative Commons a questo link

Come raggiungere Doel

Per raggiungere Doel basta impostare nel navigatore satellitare la località Beveren e, come indirizzo Doel. Dall’uscita autostradale il percorso in auto dura circa dieci minuti. La strada che raggiunge il paese termina nelle rive del fiume Schelda. Non è consigliato per ragioni di sicurezza personale spingersi oltre verso l’area del porto o l’area della centrale.

Annunci

12 thoughts on “In Belgio, tra i fantasmi di Doel

    1. sembra che la cosa non abbia un termine preciso … c’è anche chi sta protestando … va detto che il porto è ormai a ridosso di Doel e che con il prossimo ampliamento sarà inevitabile “andarci sopra” … grazie della visita!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...