10 edifici europei curiosi, bizzarri, strani, improbabili, ma veri …

Vedrete una faraonica chiesa autostradale, una villetta sferica che racchiude un’intera nazione, una casa che suona con la pioggia, un minuscolo appartamento parassitario, una finta moschea e molto, molto altro. L’Europa è disseminata di architetture bizzarre, improbabili, strane, curiose e decisamente interessanti …

1.Dresda, Germania – Kunsthofpassage

Se siete a Dresda e sta piovendo, dovete approfittarne e raggiungere subito il Kunsthofpassage presso NeustadtQui, all’interno di uno dei due cortili, si affaccia una casa decorata con diverse tonalità di azzurro e equipaggiata con un originale e intricato sistema di grondaie che produce musica sfruttando il flusso dell’acqua piovana. Si tratta della originale Fullen Wall, divenuta una delle attrazioni più ricercate della magnifica città sassone. L’idea è della scultrice Annette Paul e dei designer Christoph Rossner e Andre Tempel ed è stata realizzata nell’ambito del progetto “Courtyard of Elements” mirato a installare opere d’arte negli edifici. A ogni precipitazione corrisponde una sinfonia…

wp-1481992327326.jpeg
La Fullen Wall di Dresda (Foto: CC, autore: superscheeli)
wp-1481992265682.jpeg
Particolare della Fullen Wall di Dresda (Foto: CC, autore: superscheeli)

2.Vienna, Austria – Kugelmugel

A Vienna, all’interno del celebre parco giochi Prater, vicino alla ruota gigante, troviamo una costruzione sferica inserita all’interno di un severo recinto di filo spinato. I cartelli posti all’esterno ci fanno capire che non si tratta di una attrazione del parco, bensì, di una vera e propria micronazione: è la micro-repubblica di Kugelmugel. Tutto ebbe inizio quando l’artista Edwin Lipburger, negli anni settanta, realizzò la sua casa con una forma che risultò in violazione dei canoni architettonici regolamentari. Ne seguì una contesa legale che terminò con l’inaspettata dichiarazione di indipendenza fatta dall’artista austriaco. La repubblica ha un’estensione di otto metri quadrati e un solo abitante…

wp-1460913988534.jpeg
La casa-repubblica di Kugelmugel (Foto: CC, autore: get down)

3.Baden-Baden, Germania – Autobahnkirche Baden-Baden

E se siete in autostrada e vi viene di pregare? In Germania hanno pensato anche a questa evenienza e sono ben 36 le chiese disposte nelle aree di sosta lungo le autostrade nazionali. Tra queste, quella più nota è quella piramidale di Baden-Baden intitolata a San Cristoforo e disposta lungo l’autostrada numero 5. La chiesa o, più propriamente, la road church fu inaugurata nel 1978. L’edificio è interessante anche perché si tratta di uno dei pochi esempi europei di edifici realizzati seguendo l’intuizione architettonica risalente all’antico Egitto, anche se, in questo caso, l’altezza è ridotta a soli venti metri.

8937163812_81f4de5509_z
La piramidale Autobahnkirche Baden-Baden (Foto: CC, autore: 3ds)

4.Varsavia, Polonia – Kereth House

Se vi trovate a Varsavia e state passeggiando lungo via Żelazna, potreste riconoscere la sorprendente Keret House (2012); dovrete, tuttavia, fare molta attenzione perché la sua dimensione la rende quasi invisibile. Incastrata tra due edifici, l’improbabile casa ha la straordinaria caratteristica di essere la più piccola al mondo; le sue misure, infatti, sono decisamente ridotte: non tanto nell’altezza che raggiunge i 914 centimetri, ma nella larghezza che nella parte più stretta misura 72 e in quella più larga appena 132 centimetri. Si tratta di un edificio “parassitario” che deve la sua concezione a un articolato percorso concettuale compiuto dall’architetto Jakub Szczęsny ispirato dagli scritti dell’autore israeliano di origine polacca Etgar Keret. Etgar è anche colui che felicemente, anche se saltuariamente, la abita. La casa è ovviamente off limits per chi soffre di claustrofobia anche se sono notevoli le soluzioni tecniche adottate per renderla vivibile. Potete approfondire cliccando qui.

image_gallery
Kereth House (Foto: CC, fonte: 365.com.mk)
Interno della Keret House (Foto: CC, autore: Eager)

5.Dresda, Germania – La Moschea del Tabacco

A Dresda, in Germania, l’architettura di una fabbrica di sigarette divenne un formidabile strumento di marketing e aggiunse una nota quantomai esotica alla città sassone. Fu l’imprenditore ebreo Hugo Zietz a ideare la costruzione di una fabbrica di sigarette con un’architettura simile a quella di una moschea. L’edificio venne realizzato tra il 1907 e il 1909. Sopravvissuto miracolosamente agli sciagurati bombardamenti del 1945 e oggi perfettamente restaurato, l’edificio è diventato la sede degli uffici di più di cinquanta tra aziende, associazioni e fondazioni e comprende anche un ristorante che offre la possibilità di cenare sul tetto accanto alla cupola multicolore. L’edificio si trova nella parte orientale della città, in via Weißeritzstrasse al numero 3. Per approfondire seguite questo link.

2016-12-18_10-02-09
Dresda, la Moschea del Tabacco (looking for europe)
2016-12-18_10-09-12
Dresda, la Moschea del Tabacco (looking for europe)

6.Borgloon, Belgio – La Chiesa Trasparente

Gli architetti belgi Pieterjan Gijs e Arnout Van Vaerenbergh hanno immaginato e progettato una chiesa seguendo l’idea di un edificio trasparente. Si tratta di un’installazione artistica permanente posta nella campagna della piccola località di Borgloon a poca distanza da Liegi. La chiesa è alta 10 metri ed è composta da 100 strati sovrapposti separati verticalmente da distanziali in acciaio. I distanziali sono disposti in modo tale da consentire alla vista di oltrepassare l’edificio da ogni angolazione. Un’opera suggestiva realizzata nell’ambito dell’esposizione “Z-OUT” per il museo di arte contemporanea di Hasselt, Z33 ed è intitolata Reading between the lines, ma per tutti è diventata la Chiesa Trasparente

24634588951_0865a26488_z-1
La Chiessa Trasparente, Reading between the lines di Borgloon (Foto: CC, autore: Tom Davidson)
6106124390_12052eb71f_z
Dettaglio costruttivo della Chisa Trasparente di Borgloon in Belgio (Foto: CC, autore: Z33 Art centre)

7.Groningen, Olanda – Orinatoio pubblico

Il fotografo Erwin Olaf e l’architetto Rem Koolhas, entrambi olandesi e entrambi particolarmente noti nei rispettivi campi di lavoro, hanno curiosamente collaborato per la realizzazione di un orinatoio pubblico d’autore. Situata lungo il canale che circonda il centro storico, a pochi passi dalla piazza Vismarkt, l’attrazione non è solo originale, ma anche decisamente utile… L’orinatoio venne realizzato nel 1996 in occasione della manifestazione culturale A Star is Born. A proposito, nel 2014, Rem Koolhas, per la Biennale di Venezia, ha realizzato la mostra intitolata Fundamentals ripercorrendo la storia  della civiltà attraverso la toilette: insomma, una vera e propria passione…

Groningen, urinal designed by Erwin Olaf and Rem Koolhaad
L’urinatoio pubblico di Groningen (Foto: CC, autore: Dage – Looking For Europe 2016)
Groningen artistic urinal
Interno dell’urinatoio pubblico di Groningen (Foto: CC, autore: Dage – Looking For Europe 2016)

8.Dornach (Basilea), Svizzera – Goetheanum

L’antroposofia è una pseudoscienza che deve la sua pur limitata fortuna al filosofo Rudolf Steiner. Steiner non solo filosofeggiava, ma progettava anche edifici e tra questi, quello più noto è il Goetheanum che si trova a Dornach vicino a Basilea. Espressionista e ricco di interessanti implicazioni concettuali, l’edificio è molto più di una curiosità anche se non è di immediata lettura per i non addetti ai lavori. Poco ci aiuta la sintetica descrizione fatta dal suo progettista che lo vuole come “un edificio vivente posto all’interno di un corpo plastico”. Realizzato in legno nel 1913 e nel 1928 riedificato nel più durevole cemento armato, il Goetheanum svolge la funzione di sede per la divulgazione dell’antroposofia, mentre il suo nome è un omaggio al grande scrittore romantico, filosofo e scienziato tedesco, Goethe.

Aerial View - Goetheanum1.jpg
Il Goetheanum di Rudolf Steiner presso Dornach (Foto: CC, autore: Taxiarchos22)
20008102234_5f1060fd24_z
Particolare del Goetheanum (Foto: CC, autore: Thomas Halfmann)

9.Stoccarda, Germania – La Biblioteca Bianca (Stadtbibliothek Stuttgart)

Un enorme parallelepipedo bianco a base quadrata costituisce il semplificato contenitore della nuova biblioteca di Stoccarda. L’edificio è distribuito su undici piani, due sotterranei e nove in superficie. Viene chiamato la “biblioteca bianca” poiché sia all’esterno che all’interno il bianco prevale su ogni altro colore. L’esterno è caratterizzato da una composizione regolare di blocchi in vetro cemento che di sera sono retroilluminati creando molteplici e mutevoli effetti cromatici. La biblioteca civica è stata inaugurata non senza molte critiche e perplessità, nel 2011. Il progetto porta la firma dello studio di architettura Yi Architects con sede a Colonia.

2016-06-29_09-07-20
Stoccarda, la Biblioteca Civica (Foto: Dage 2016)
20160620_084711
L’interno della Stadtbibliothek Stuttgart (Foto: Dage 2016)

10. Tbilisi, Georgia – Concert Hall

A Tbilisi, all’interno del parco Rhike, due enormi oggetti connessi all’estremità e disegnati in modo tale da impedirne qualsiasi possibile interpretazione costituiscono rispettivamente la sala concerti e il nuovo teatro musicale della capitale georgiana. Completato nel 2016 per diventare uno dei vanti architettonici di una città in forte sviluppo, l’edificio, pone molti interrogativi e in particolare quello relativo a come sia possibile che l’architetto Fuksas continui a prosperare aggiungendo al suo curriculum opere così controverse, metallurgiche e improbabili…

Tbilisi, Music Theatre and Concerto Hall
Tblisi, Georgia il Teatro della Musica e la Sala Concerti (Foto: CC, autore: Dage – Looking For Europe)
14668992297_c9fc9c8f97_z
Particolare del Concert Hall di Tbilisi (Foto: CC, autore: Nicolas de Camaret)
Annunci

8 thoughts on “10 edifici europei curiosi, bizzarri, strani, improbabili, ma veri …

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...