Bratislava : 15 spunti per turisti particolarmente curiosi

Bella Bratislava? Non saprei… Sicuramente è una città interessante e ricca di spunti che richiedono un certo dinamismo. Visitarla è semplice, capirla, non è così semplice. Economica e sufficientemente ospitale, la capitale slovacca vanta uno straordinario primato: è l’unica città al mondo dominata da un immobile UFO. Visitiamo insieme alcune mete tra le più e le meno frequentate…

1.Il Ponte UFO – Landmark, architettura sovietica

20161228_101801

Vi confonderanno le idee dicendovi che il landmark della città è il Castello di Bratislava, in realtà, il vero landmark è l’immobile UFO posto al di sopra dell’unico pilone del ponte Nový Most (Ponte Nuovo o Ponte SNP) che per questa ragione viene chiamato Ponte UFO. Alto 95 metri, lo si vede da ovunque, può essere visitato ed è persino possibile cenare al suo interno. Completato nel 1972, per molti anni ospitò ben ispirati esponenti della nomenclatura comunista che da lassù potevano cenare osservando le “masse” e, in particolare, quelle che abitavano l’immenso quartiere dormitorio di Petržalka (si veda oltre…).

 2.Le curiose statue in bronzo – Arte pubblica

20161228_102821

20161228_103114

Alcune statue inattese e stravaganti, offrono al visitatore l’occasione di confrontarsi con personaggi che altrimenti non potrebbe incontrare in alcun modo. C’è Cumil, l’operatore del sistema fognario (ma si dice così?), che se ne sta sornione a osservare i passanti nella continua speranza che siano delle belle signorine in gonna. C’è un soldato napoleonico che se ne sta impassibile appoggiato a una panchina in attesa di fare due chiacchiere con chi sceglie di sedersi proprio lì (vorrà vantarsi delle sue prodezze nella vicina Austerliz?). C’è anche un ben appostato paparazzo e altri curiosi e immobili personaggi realizzati in bronzo che vi suggerisco di incontrare casualmente per non rovinare l’effetto sorpresa…

3.La sede della radio nazionale slovacca – Architettura sovietica

20161228_130434

Lasciamoci alle spalle il centro storico e procediamo spediti verso l’edificio più curioso della città e tra i più curiosi al mondo. Si tratta della storica Sede della Radio Nazionale Slovacca (la trovate in Mytna utca al numero 1) che riprende l’intuizione architettonica degli antichi egizi e la ripropone capovolgendola. Facendo molta attenzione, nel quartiere si può ancora sentire l’eco delle invettive fatte dallo sciagurato ingegnere che faticò per ben vent’anni nel tentativo di dare stabilità a un edificio così inutilmente complicato. Gli architetti sovietici, tuttavia, avevano una certa propensione all’ironia e questa costruzione che fu completata nel 1983, ne è l’esempio più lampante. Tra le mete insolite, questa, è quella che vi suggeriamo di non mancare …

L’edificio viene ampiamente dettagliato nel libro fotografico edito dalla TaschenCCCP: Cosmic Communist Constructions Photographed. Il testo è interamente dedicato alle straordinarie architetture moderniste che furono erette durante gli anni dell’Unione Sovietica.

4.La Chiesa Azzurra (Chiesa di Sant’Elisabetta) – Chiesa moderna

2017-01-13_09-42-07

Realizzata nel 1913, la Chiesa Azzurra è un’ottima scusa per fare due passi al di fuori del centro storico. Il progettista, l’ungherese Ödön Lechner, attribuì all’edificio gli insoliti canoni della art nouveau ungherese che estese anche all’adiacente scuola Gymnázium GroesslingovàL’edificio ha anche due imprevedibili caratteristiche: la prima è che sembra fatto di marzapane e viene voglia di mangiarlo, la seconda, è che fotografarlo per intero è difficilissimo, io, ad esempio, ho lasciato perdere…

5.Monumento di guerra Slavin – Monumento commemorativo

20161229_090023

20161229_090143

Il monumento è dedicato ai soldati della Armata Rossa che morirono per la liberazione della Slovacchia durante la Seconda Guerra Mondiale. Alto 50 metri, nella sua sommità è posta la statua di un combattente che calpesta la famigerata svastica nazista mentre sventola la bandiera sovietica. Inaugurato nel 1960, il monumento è sopravvissuto al processo di desovietizzazione non solo materiale, ma anche culturale, mantenendo una certa sacralità presso gli abitanti della città slovacca.

Malgrado il crescente interesse turistico, è disponibile solo una guida monografica di Bratislava. Edita da Modellini EditoreBratislava Low Cost è ben documentata e offre una panoramica completa della città oltre a comode mappe per raggiungere le mete segnalate. Acquistarla? Noi ne abbiamo tratto alcuni suggerimenti decisamente validi…

6.Un caffè in libreria (Art Forum) – Locale, libreria

20161227_180916

20161227_180433

Un po’ fuori mano, ma è questo il luogo adatto dove riposare e curiosare tra le infinite proposte editoriali e musicali sorseggiando un tè o un caffè.  L’Art Forum è certamente la libreria più interessante della città dove si possono trovare anche originali pubblicazioni tematiche su Bratislava e più in generale sulla Slovacchia. La selezione di dischi e CD, inoltre, consente di conoscere da vicino le produzioni autoctone e di fare insospettabili scoperte. Il tutto può avvenire anche comodamente seduti nel gradevole e appartato bar posto al suo interno.

Tra le produzioni musicali slovacche, suggerisco l’ascolto dei Pressburger Klezmer Band. La band si è formata nel 1995 a Bratislava ed è tra le più interessanti nel genere klezmer contemporaneo (il genere ispirato alla musica tradizionale ebraica). Poiché la “Bratislava ebraica” è decisamente “sfuggente”, l’ascolto dei PKB è il modo migliore per immergersi nella tradizione di una comunità che ha con la capitale un legame molto antico. Pressburg è la denominazione in tedesco della attuale Bratislava…

7.Il palazzo della Slovak National Gallery – Architettura comunista

2017-01-16_08-01-24

Tre enormi gradoni ribaltati (ancora un edificio sottosopra) costituiscono la poco attraente facciata della Galleria Nazionale Slovacca. Realizzato alla fine degli anni settanta sul progetto è di un certo Vladimir Dedeček, l’immenso e astruso edificio è diventato uno dei più controversi simboli del regime comunista nella capitale slovacca. Brutalista, sterile, grigio e drammaticamente concreto, l’edificio è stato per lungo tempo oggetto di complicati dibattiti tra chi lo voleva abbattere e chi lo voleva mantenere. Attualmente, è in atto la sua ristrutturazione…

8.Sulle tracce dei grandi compositori classici e moderni – Percorso

20161228_141731

20161228_141450

Bratislava ha ospitato molti importanti compositori e musicisti e girovagando nel centro storico si possono ancora trovare le tracce delle illustri presenze. L’influente Béla Bartók (1881 – 1945), ad esempio, vi trascorse sei anni, dal 1892 al 1899, dedicandosi allo studio della musica e alla conoscenza delle tradizioni musicali dei popoli dell’Europa centrale e orientale (trovate la targa commemorativa presso il Convento dell’Ordine di Santa Chiara in via Klariská). Franz Liszt (1811 – 1886) non visse a Bratislava, ma proprio nella capitale, nel 1820, diede il suo primo concerto (aveva nove anni). L’esibizione gli offrì un immediato successo e uno sfavillante ingresso nella “scena” musicale europea (in via Ventúrska, presso il palazzo De Pauli trovate la targa commemorativa del celebre evento). Anche un’altro giovane compositore diede uno dei suoi primi concerti pubblici proprio a Bratislava. Era il 1762, aveva sei anni e fu accompagnato dal padre dalla vicina Vienna. Si tratta di Wolfgang Amadeus Mozart (1756 – 1791) che è ricordato tramite una placca posta anch’essa in via Ventúrska).

9.Monumento alla Sollevazione Nazionale Slovacca di piazza SNP (Namestie Slovenske Narodne Povstanie) – Monumento 

20161228_133055

La centrale piazza titolata alla Sollevazione Nazionale Slovacca (quella che contribuì alla liberazione dall’occupazione tedesca durante la Seconda Guerra Mondiale) è uno spazio urbano poco attraente poiché attorniato da anonimi edifici. Al suo centro, tuttavia, sorge un monumento decisamente interessante che comprende anche la riproduzione di due cupe e cadaveriche donne vestite con abito tradizionale slovacco. Non ho trovato, tra le molte statue della capitale, altri soggetti così espressivi e commoventi. La stessa piazza fu anche il luogo simbolo delle proteste che animarono la Rivoluzione di Velluto, quella che nel 1989 chiedeva la liberazione dal regime sovietico.

10.Urban House Urban Space: un caffè hipster style in centro cit

Urban Nausea, Bratislava

Urban House, Bratislava

Tra i locali più ambiti dai giovani della capitale, Urban House (Laurinska, 14) e Urban Space (Piazza SNP, 30) sono due vere e proprie istituzioni. Qui è possibile ricaricare se stessi e anche il proprio telefonino. Comode poltrone e poltroncine multicolore, decori in stile vintage, libri e riviste,  WiFi libero, macchine da caffè provenienti da qualche segreto laboratorio scientifico, immancabili hipster assorti davanti ai loro Mac insieme a gustosi dolci e toast (qui vanno molto gli avocado toast) sono lì, in attesa di un vostro passaggio. Unica nota dolente il personale che non è per nulla cordiale, ma vi sfido a trovare di meglio in città…

I due locali sono segnalati nella guida The Secret Door to Bratislava gratuitamente distribuita presso l’ufficio informazioni turistiche e che potete scaricare gratuitamente seguendo questo link.

11.Il Memoriale alle Vittime dell’Olocausto – Monumento storico

Holocaust Memoriale Bratislava

Decisamente controverso, il memoriale dedicato ai 105.000 ebrei slovacchi che vennero deportati e massacrati durante la seconda guerra mondiale è un’opera difficilmente decifrabile, ma, proprio per questa ragione, interessante. La trovate al termine di via Panská nella piazza dove sorgeva l’antica sinagoga di Bratislava che viene ricordata attraverso la riproduzione della sua sagoma nel muro posto alle spalle del monumento. Attenzione, la cosa non deve confondere le idee: la sinagoga non fu demolita dai nazisti, bensì dal regime sovietico nel 1967 per fare spazio alla strada che conduce al ponte Nový Most. Oltre alla sinagoga venne demolito l’intero quartiere ebraico.

12.Una visita alle gallerie della SNG nel palazzo Esterházy – Galleria d’arte

2017-01-17_07-39-15

Adiacente al palazzo in ristrutturazione della Slovak National Gallery (si veda sopra), il palazzo Esterházy (anch’esso parte della SNG) è il luogo dove si tengono le mostre più importanti in città. L’ingresso, il più delle volte, è gratuito e al suo interno lo spazio espositivo può rivelare delle vere e proprie sorprese.

13.Piazza Libertà (Námestie slobody)

15844235003_36eb5b4a3c_z
(Foto: CC, autore: Rob Schofield)

Piazza Libertà è un’immensa piazza monumentale concepita dai sovietici negli anni ’80 e posta a poca distanza dalla piramidale Sede della Radio Nazionale. Desolante, ma anche affascinante. Al centro si trova la fontana Družba realizzata in acciaio che pretende di simboleggiare il fiore di tiglio, uno dei simboli più ricorrenti presso i popoli slavi. Oltre a essere stata il luogo privilegiato per le manifestazioni di regime, la piazza fu il luogo da dove nel 1897, l’inventore slovacco Ján Bahýľ fece decollare la sua più celebre invenzione, l’elicottero.

14.Torre del Municipio – Panorama

20161228_103955

Oltre a ospitare il Museo Storico della Città, il Vecchio Municipio di Bratislava posto nella centrale piazza Hlavné, offre l’opportunità di salire sulla sommità della antica e adiacente Torre del Municipio da dove lo sguardo potrà spaziare sull’intera città (ingresso euro 3,00). Trascurando lo stucchevole museo, dall’alto ci si può divertire nel riconoscere gli edifici più caratterizzanti e, chiaramente, nel cercare con lo sguardo l’immobile UFO del Nový Most.

15.Petržalka

20161229_093225

20161229_093308

20161229_093356

Attraversando il Danubio, è possibile visitare uno dei quartieri più densamente popolati d’Europa (conta circa 120.000 abitanti) dove, durante gli anni della Repubblica Socialista Cecoslovacca, vennero edificati innumerevoli e anonimi edifici residenziali per lo più a dodici piani. Mentre da lontano il quartiere può risultare opprimente e di scarso interesse, percorrendolo, si possono trovare molti spunti come il palazzo sovietico della Technopol in stile “Torri Gemelle” o la Chiesa della Sacra Famiglia (Kostol Svätej rodiny) realizzata nel 2003 in occasione della visita di Papa Giovanni II che proprio di fronte a questo edificio radunò decine di migliaia di credenti slovacchi. Crediamo sia utile precisare che durante la nostra prolungata visita diurna al quartiere di Petržalka non abbiamo percepito alcun pericolo. Cosa significa Petržalka? Prezzemolo …

Dove non diversamente segnalato, le fotografie sono state da noi realizzate a dicembre 2016
Annunci

8 thoughts on “Bratislava : 15 spunti per turisti particolarmente curiosi

  1. Interessante articolo sulla capitale slovacca, io aggiungerei all’elenco la Kamzik Tower torre della televisione ubicata in collina che ospita un ristorante girevole e un bar . Interessante pure il castello di Devin, la collina Devinska Kobyla alta 550 mt con resti di installazioni militari cecoslovacche , il castello che domina la città dalla collina e per quanto riguarda l’architettura sovietica l’ex hotel Kijev .

    Liked by 1 persona

    1. Effettivamente l’hotel Kiev ci stava … ho omesso il castello di Devin perché siamo già nei “dintorni” come anche la Kamzik Tower, ma grazie al tuo commento le tre mete sono ora segnalate! Infinite grazie della tua visita e del tuo prezioso commento …

      Mi piace

  2. Ma che piacevole sorpresa il tuo blog, complimenti. Sono posti che non conosco affatto e mi sembra che tu suggerisca spunti diversi con un approccio molto originale e interessante, tra il resto le foto sono veramente belle.
    La chiesa azzurra è proprio particolare e quel percorso sulle tracce dei musicisti sarebbe perfetto per me! Buona giornata!

    Liked by 1 persona

    1. Magari mentre sei di passaggio o da Vienna… Io ho maturato un forte senso di vertigini proprio di recente e quindi ho detto no alla salita sull’UFO chiaramente me ne sono poi amaramente pentito. Se mi capiterà di tornarci inizierò da lì… Grazie della tua visita, a presto!

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...