Edifici europei insoliti, bizzarri, improbabili

Cosa troverete? Una villetta sferica che racchiude un’intera nazione, una casa che suona con la pioggia, un minuscolo appartamento parassitario, una finta moschea e molto, molto altro. L’Europa è disseminata di architetture bizzarre, improbabili, strane, curiose e decisamente interessanti …

1 Kunsthofpassage – Dresda, Germania

Se siete a Dresda e sta piovendo, dovete approfittarne e raggiungere subito il Kunsthofpassage presso il distretto di Neustadt a Dresda. Lì, all’interno di uno dei due cortili, si affaccia una casa decorata con diverse tonalità di azzurro e equipaggiata con un originale e intricato sistema di grondaie che produce musica sfruttando il flusso dell’acqua piovana. Si tratta della originale Fullen Wall divenuta una delle attrazioni più ricercate nella magnifica città sassone. L’idea è della scultrice Annette Paul e dei designer Christoph Rossner e Andre Tempel ed è stata realizzata nell’ambito del progetto “Courtyard of Elements” mirato a installare opere d’arte negli edifici. A ogni precipitazione corrisponde una sinfonia…

wp-1481992265682.jpeg
Particolare della Fullen Wall di Dresda | © superscheeli

2 La Chiesa Trasparente – Borgloon, Belgio

Gli architetti belgi Pieterjan Gijs e Arnout Van Vaerenbergh hanno immaginato e progettato una chiesa inseguendo l’idea di “edificio trasparente”. Si tratta di un’installazione artistica permanente posta nella campagna della piccola località di Borgloon che si trova a poca distanza da Liegi. La chiesa è alta 10 metri ed è composta da 100 strati di legno sovrapposti e separati da distanziali in acciaio. I distanziali sono disposti in modo tale da consentire alla vista di oltrepassare l’edificio da ogni angolazione. Si tratta di un’opera suggestiva realizzata nell’ambito dell’esposizione “Z-OUT” per il museo di arte contemporanea di Hasselt, Z33. La chiesa è intitolata Reading between the lines anche se, per tutti è diventata la Chiesa Trasparente

24634588951_0865a26488_z-1
La chiesa trasparente di Borgloon | © Tom Davidson

3 Kugelmugel – Vienna, Austria

All’interno del celebre parco giochi Prater della capitale austriaca troviamo una eccentrica costruzione sferica recintata con filo spinato. I cartelli posti all’esterno ci fanno capire che non si tratta di un’attrazione del parco, bensì di una vera e propria micronazione: la micro-repubblica di Kugelmugel che si risolve nel curvilineo edificio che occupa per intero la Antifaschismus Platz. Tutto ebbe inizio quando l’artista Edwin Lipburger negli anni settanta realizzò la sua casa montana con una forma che risultò in violazione dei canoni architettonici regolamentari. Ne seguì una contesa legale che terminò con la rimozione della casa (fu spostata nell’attuale indirizzo) e, in tutta risposta, con la dichiarazione di indipendenza fatta dall’infuriato artista austriaco. La repubblica ha l’estensione di otto metri quadrati e conta un solo abitante.

wp-1460914002090.jpeg
Particolare della abitazione sferica di Kugelmugel| ©

4 Kereth House – Varsavia, Polonia

Se vi trovate a Varsavia e state passeggiando lungo via Żelazna, potreste riconoscere la microscopica Keret House. Incastrata tra due edifici, l’improbabile casa ha la straordinaria caratteristica di essere la più piccola al mondo. Le sue misure infatti, sono quanto mai ridotte; non tanto nell’altezza che raggiunge i 9 metri, bensì nella larghezza che nella parte più stretta misura 72 centimetri e in quella più larga 132 centimetri. Si tratta di un edificio “parassitario” concepito secondo un articolato percorso concettuale compiuto dall’architetto Jakub Szczęsny a sua volta ispirato dagli scritti dell’autore israeliano di origine polacca Etgar Keret che è anche colui che felicemente, anche se saltuariamente, la abita. La casa è off limit per chi soffre di claustrofobia malgrado siano notevoli le soluzioni tecniche adottate per renderla vivibile.

edifici strani e insoliti in europa
La stretta Kereth House di Varsavia | © Forgemind ArchiMedia

5 La Moschea del Tabacco – Dresda, Germania

A Dresda, in Germania, l’architettura di una fabbrica di sigarette divenne un formidabile strumento di marketing e aggiunse una nota quantomai esotica alla città sassone. Fu l’imprenditore ebreo Hugo Zietz a ideare la costruzione di una fabbrica di sigarette con l’architettura ispirata a quella di una moschea. L’edificio venne realizzato tra il 1907 e il 1909. Sopravvissuta miracolosamente ai bombardamenti del 1945 e oggi perfettamente restaurata, la “falsa” moschea è diventata un business center e comprende anche un ristorante che offre la possibilità di cenare sul tetto accanto alla cupola multicolore che di notte viene retro illuminata. Trovate la Moschea del Tabacco nella parte orientale della città in via Weißeritzstrasse.

dresda moschea
La cupola della Moschea del Tabacco di Dresda | © looking for europe

6 Concert Hall – Tbilisi, Georgia

A Tbilisi, all’interno del centrale parco Rhike, due enormi oggetti connessi all’estremità e disegnati in modo tale da impedire qualsiasi interpretazione sulla loro natura costituiscono rispettivamente la sala concerti e il nuovo teatro musicale della capitale georgiana. Completato nel 2016 per diventare uno dei vanti architettonici di una città in forte sviluppo, l’edificio pone molti interrogativi e in particolare quello relativo a come sia possibile che l’architetto Massimiliano Fuksas continui a prosperare aggiungendo al suo curriculum opere così controverse, metallurgiche, improbabili e, nello specifico, anche inutilmente periscopiche.

architetture insolite, strane e bizzarre in auropa
Tblisi, il Teatro della Musica e la Sala Concerti | © looking for europe

7 Kubuswoning – Rotterdam, Olanda

Immaginate come un insieme di alberi in un bosco, le surreali case cubiche kubuswoning progettate dall’architetto olandese Piet Blom (1934 – 1999) ci mettono nella curiosa situazione di dover ripensare alla nostra quotidianità all’interno di uno spazio cubico con un’inclinazione tale da confonderci irrimediabilmente le idee. Le fantasiose case sono state realizzate nelle città olandesi di  Helmond e Rotterdam, rispettivamente tra il 1975 e il 1977 e tra il 1982 e il 1984. A Rotterdam ne sono state “piantate” 38 lungo le rive del Porto Vecchio…

14143519774_b62c52ccdf_z
Particolare delle Kubuswoning di Piet Bloom a Rotterdam

8 Wotrubakirche – Vienna, Austria

Lì per lì i viennesi del distretto periferico di Mauer restarono un po’ stralunati e per lo più contrariati dalla nuova chiesa, la Chiesa della SS. Trinità (1976), che trovò spazio nel loro placido quartiere. Con il tempo, tuttavia, l’edificio progettato dall’artista Fritz Wotruba finì per essere da tutti non solo accettato, ma anche apprezzato. Cubista, brutalista, concettuale, scomposto, ma anche originale e decisamente concreto, il luogo di culto viennese non passa certo inosservato…

wp-1460994621748.jpeg
La Wotrubakirche di Vienna | © Wojtek Gurak

9 Bierpinsel – Berlino, Germania

Non c’è architettura più curiosa in tutta la città di Berlino dell’edificio comunemente denominato Bierpinsel, letteralmente “pennello della birra”. Posto nel quartiere di Steglitz, il pennellone con basamento in cemento e struttura multi-piano in acciaio è stato per anni utilizzato come ristorante sotto l’insegna Turmrestaurant Steglitz per poi rimanere in stato di abbandono e rischiare persino di essere abbattuto. Edificato tra il 1973 e il 1976, dal 2006 è in cerca di un nuovo padrone mentre, dal 2016, la municipalità ha saggiamente deciso di porlo sotto la tutela dei beni monumentali. Chi ha visto il serial Dogs of Berlin ne ha potuto apprezzare anche gli interni dove agiva il commando di polizia Cartellino Rosso

gli edifici più strani d'eruopa
Il Bierpinsel di Berlino | © looking for europe

10 Kunsthaus – Graz, Austria

Qualsiasi sarà il futuro della corrente architettonica denominata “blobbismo”, questa sua applicazione rimarrà una delle più magnificamente astruse presenti nel pianeta Terra. Costruito nel 2003, anno in cui Graz è stata la capitale europea della cultura, il museo cittadino d’arte moderna, il Kunsthaus Graz, è stato progettato dagli architetti inglesi Peter Cook e Colin Fournier entrambi irrimediabilmente devoti alla pellicola di fantascienza Fluido Mortale, The Blob (1958)…

architetture strane, insolite, bizzarre, originali in europa
La Kunsthaus di Graz| © Franz Jachim

11 Tempio di Monte Grisa – Trieste, Italia

1963, nella sommità del monte Grisa, nei pressi della città di Trieste, arrivano in rapida successione decine di camion carichi di cemento. 1965, due anni dopo, da qualsiasi punto della città giuliana si può finalmente vedere il risultato di tanto dispendio di energie e materiale: è un tempio ed è dedicato alla Madonna. A qualificarlo è il motivo a triangolo che viene ripetuto con ammirevole assiduità anche all’interno dell’edificio. Qualche anno dopo, il Tempio è diventato per tutti il “formaggino” poiché la sua forma, vista dalla città, è proprio quella dei più celebri prodotti della Mio o della Tigre…

trieste, santuario del monte grisa
Il Tempio di Monte Grisa a Trieste | © looking for europe

12 Sede della Radio Nazionale – Bratislava, Slovacchia

Non c’è traccia di come abbia reagito l’ingegnere quando gli architetti Š. Svetko, Š. Ďurkovič e B. Kissling gli hanno messo di fronte il progetto per la nuova sede della radio nazionale slovacca da realizzare in prossimità del centro di Bratislava. Avrà sperato fino all’ultimo che si trattasse di uno scherzo? Avrà, invece, più volte ruotato di 180° il progetto per riportare alla ragione la committenza? Fatto sta che vent’anni dopo l’avvio dei lavori, una volta che furono risolte infinite e complicate questioni tecniche, nel 1984, una piramide rovesciata alta 80 metri ha finalmente trovato spazio nella capitale della Slovacchia…

architetture strane in europa
Bratislava, Slovacchia – Palazzo della Radio | © looking for europe

13 Wall House 2 – Groningen, Olanda

Un muro alto 14 e lungo 18,5 metri, costituisce l’elemento caratterizzante della Wall House 2 progettata dall’americano di origini ceche, John Quentin Hejduk. Normalmente inteso come elemento atto a separare, in questo caso, il muro è ciò che unisce poiché tiene insieme i diversi moduli che costituiscono la stravagante abitazione. Solo casualmente realizzato nella prima periferia della città olandese di Groningen, l’edificio è un potente stimolo alla riflessione su una materia, l’architettura, che il suo celebre progettista considerava come irrimediabilmente in crisi …

edifici modello
La Wall House 2 di Groningen | © looking for europe

14 Happy Rizzi House – Brunswick, Germania

Non c’è alcun dubbio sulla ragione del nome del coloratissimo complesso “felice”: infinite, infatti, sono le faccine sorridenti che l’artista americano James Rizzi, insieme all’architetto tedesco Konrad Kloster, hanno pensato di inserire nell’intera superficie della decisamente allegra Happy Rizzi House (2001). La vera curiosità, tuttavia, sta nel fatto che l’edificio non è una scuola d’infanzia e non è neppure un museo o l’abitazione di un eccentrico artista: è un office center ed è frequentato da impiegati, contabili, architetti, commercialisti…

4890293844_a20f015f5d_z
La Happy Rizzi House di Brunswick

15 Umlauftank 2 – Berlino, Germania

Considerata come l’edificio più insolito della capitale tedesca, la Umlauftank 2 (letteralmente, serbatoio di circolazione) fu completata nel 1975 all’interno del parco di Tiergarten lungo il corso del canale Landwehrkanal. La sua struttura si articola in un parallelepipedo sopraelevato alla cui base troviamo un’enorme condotta del diametro di otto metri. Di cosa si tratta? L’Umlauftank è un centro di ricerca appartenente alla Università Tecnica di Berlino al cui interno si svolgono esperimenti in materia di idrodinamica. L’architetto Ludwig Leo (1924-2012) ha regalato a Berlino un’architettura curiosa che diverte poiché appare come se dovesse da un momento all’altro muoversi con un moto del tutto improbabile…

architetture strane in europa
La Umlauftank 2 di Berlino | © looking for europe

16 Selfridges Department Store – Birmingham, Gran Bretagna

Non solo nella città austriaca di Graz, anche in Inghilterra il “blobbismo” ha trovato modo di “espandersi” e lo ha fatto nel 2003 quando a Birmingham fu inaugurata la nuova sede dei grandi magazzini a insegna Selfridges. Direttamente dal futuro, con una forma a tal punto organica che ci si aspetterebbe di vederlo ondeggiare flessuosamente, l’edificio porta in dotazione una copertura formata da 15.000 dischi di alluminio anodizzato applicati su una parete blu così come previsto dal progetto dello studio di architettura Future Systems.

edifici divertenti e strani in europa
Selfridges Department Store, Birmingham | CC Dun.can

 

Annunci

20 risposte a "Edifici europei insoliti, bizzarri, improbabili"

  1. Mi interessa l’architettura. Mi piace vedere come il genio umano crea forme nello spazio circostante. Questo tuo post è davvero interessante e le costruzioni proposte davvero bizzarre! La mia preferenza va alla Concert Hall Georgiana. Colgo l’occasione per invitarti a visionare nel mio blog un esempio di creatività finnica: la Cappella di Kamppi. A suo modo unica e non convenzionale. Buona settimana!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...