Biennale Architettura di Venezia 2018: 10 cose da sapere per chi ci andrà per la prima volta

biennale architettura 2018 a venezia

La 16° Biennale Architettura di Venezia inaugurerà il 26 maggio 2018 e resterà aperta sino al 25 novembre. Al solito, l’appuntamento è attesissimo dagli architetti e da tutti gli appassionati di architettura. Quello di Venezia, infatti, è l’evento più importante al mondo e non teme le molte imitazioni. Quest’anno il tema sarà di particolare interesse e lungimiranza e si riassume nella formula freespace ossia, come l’architettura “può offrire nuovi spazi, liberi e supplementari a coloro che ne fanno uso”. Se non avete mai visitato la Biennale di Architettura di Venezia, scoprite insieme a noi tutto quello che c’è da sapere sull’evento veneziano…

Continua a leggere

Annunci

Il Biesbosch Museum, Olanda

come visitare il biesbosch museum in olanda

Siamo in Olanda, nel parco nazionale Biesbosch o De Biesbosh, uno dei rari bacini d’acqua dolce caratterizzati da fenomeni di marea e unico in Europa. Il parco è costituito da una fitta rete di canali e ruscelli che delimitano isole fluviali fangose o sabbiose. La vegetazione consiste prevalentemente di foreste di salici e di densi canneti. Dal 2016, il parco De Biesbosch ospita il rinnovato centro museale e didattico Biesbosch Museum Einland, dove poterne comprendere la storia e le caratteristiche. Scopritelo insieme a noi…

Continua a leggere

L’Ossario di San Candido

memoriale e ossario di san candido

Prosegue la nostra visita ai memoriali e sacrari della prima guerra mondiale. Questa volta raggiungiamo un’opera minore eretta in epoca fascista seguendo le linee guida dell’architettura e del simbolismo dei monumenti di regime. Siamo nel Sud Tirolo, nella località di San Candido, dove, a poca distanza dal centro abitato, sorge l’omonimo ossario o sacrario inaugurato nel 1939…

Continua a leggere

Dessau, visita alle Case dei Maestri del Bauhaus

visitare le case dei maestri a dessau

Quattro case, una singola e tre doppie, accoglievano gli insegnanti senior della celeberrima scuola del Bauhaus nella sua sede di Dessau. Le case sono visitabili e sono poste a poca distanza dall’istituto (raggiungibili a piedi in 10 minuti). Furono tutte progettate dall’eminente architetto Walter Gropius (1883-1969) completando il suo progetto per la vicina scuola. Insieme formano una vero e proprio insediamento che vi invitiamo a visitare insieme a noi…

Continua a leggere

Visita alla sede del Bauhaus di Dessau

come visitare la bauhaus

Sognavamo da tempo di visitare la sede del Bauhaus a Dessau in Germania. Alla fine ci siamo andati e l’esperienza ha ricambiato la lunga deviazione fatta per raggiungerla. Il luogo è ricco di testimonianze, agevolmente visitabile e perfettamente conservato. Siamo davanti all’edificio simbolo del Neues Bauen, la modernità architettonica, che fu anche il luogo dove operarono i massimi esponenti dell’arte tedesca e, di conseguenza, europea ai tempi della Repubblica di Weimar: vi pare cosa da poco?

Continua a leggere

Ciò che rimane dell’architettura nazista (parte I)

Tra il 1933 e il 1945, nei territori del Terzo Reich sorsero architetture fortemente ispirate ai valori, ai principi, alle linee programmatiche e agli intenti propagandistici espressi dalla dirigenza del partito nazionalsocialista. A queste si accompagnarono opere rispondenti a impellenti necessità di carattere bellico (ad esempio, le opere difensive) e importanti interventi a carattere infrastrutturale (a partire dalle autostrade). Non mancarono, infine, architetture funzionali allo sviluppo del famigerato sistema concentrazionario. Molti progetti restarono sulla carta. Molti furono abbattuti dai bombardamenti alleati o demoliti nel corso di successivi interventi di riassetto urbano. L’eredità architettonica del regime, tuttavia, è ancora in parte presente ed è oggetto tanto di imbarazzo, quanto di attenzione. Vediamo alcuni tra gli edifici eretti durante gli anni del nazionalsocialismo tutt’oggi visitabili…

Continua a leggere

Longarone: Chiesa monumentale di Santa Maria Immacolata

Gli abitanti di Longarone (siamo in provincia di Belluno) volevano la loro storica chiesa riedificata dov’era e com’era. Dopo il disastro del Vajont, volevano fosse ricostruito, senza alcuna modifica, il loro grazioso e onesto edificio religioso in stile rinascimentale, la Chiesa di Santa Maria Immacolata. Le cose, tuttavia, andarono diversamente e una controversa opera di straordinaria complessità architettonica e concettuale finì per tradire ogni attesa…

Continua a leggere