Biennale di Architettura 2016 – Venezia, i Giardini della Biennale

Una visita decisamente soddisfacente che suggerisco anche a chi, come noi, non è del mestiere: quest’anno, infatti, la Biennale di Architettura di Venezia interroga e si interroga su temi che coinvolgono tutti presentando molte soluzioni e portando esperienze spesso illuminanti. Come di routine, abbiamo iniziato la nostra visita partendo dai Giardini della Biennale …
Continua a leggere

Venezia, il controverso Padiglione Germania

A Venezia, all’interno dei Giardini della Biennale, il Padiglione Germania continua imperterrito a esporre le linee guida dell’architettura nazionalsocialista così come furono prospettate dal Führer in persona durante il suo breve, ma intenso soggiorno veneziano del 1934…
Continua a leggere

Venezia, il ghetto

A Venezia, a pochi passi dalla stazione dei treni, è possibile visitare l’antico ghetto ebraico. Era questo il quartiere della città che fu “riservato” agli ebrei. Qui veniva loro consentito abitare e qui potevano svolgere alcune attività al fine di garantire a se stessi la sopravvivenza. Proprio a Venezia venne coniato il temine ghetto successivamente impiegato per definire i quartieri ebraici di tutta Europa. In realtà la parola “ghetto” ha poco a che fare con gli ebrei e le antiche prassi discriminatorie. “Ghetto”, infatti, deriva dal veneziano geto che in italiano significa semplicemente “getto”… Continua a leggere

Venezia, la Libreria Acqua Alta

la precaria libreria di venezia - libreria acqua alta

A Venezia, vicino alla Basilica dei Santi Giovanni e Paolo, nel Campiello dei Tintor che si attraversa seguendo la Calle Lunga Santa Maria Formosa, una meravigliosa libreria offre al visitatore l’emozione di una scoperta particolarmente curiosa. Si tratta della Libreria Acqua Alta e già leggendo il cartello che si trova al suo ingresso capiamo che stiamo entrando nella libreria più bella del mondo
Continua a leggere

15 giugno 1934, Hitler visita la Biennale di Venezia

Dal 14 al 16 giugno 1934, Adolf Hitler visitò Venezia e il giorno successivo al suo arrivo si recò presso i Giardini della Biennale per visitare la celebre mostra d’arte giunta in quell’anno alla 19° edizione. Non si trattò di un viaggio di piacere, bensì del primo viaggio di stato del leader tedesco che a Venezia finalmente incontrò il suo beniamino Benito Mussolini…
Continua a leggere